Bene

Mi hanno sparato il 20 agosto del 2002.

C’era il sole. Almeno credo. Perché quando è arrivato l’urto tenevo gli occhi socchiusi. E la gente. Dappertutto. Troppa, ricordo di aver pensato. In fondo il giorno in cui muori non è diverso da tutti gli altri; da quelli che sono stati e da quelli che verranno. Il mondo non si ferma quando ti fermi tu.

Il rumore di un cuore che si schianta è buffo. Quasi impercettibile. Tintinnare di piccoli granelli di sabbia sul vetro.

Non ho provato dolore. Solo ho sentito le gambe cedere, all’improvviso. E Dio, no. Non così. Tra i panni e le creme solari. Avrò pur diritto ad una fine da uomo.

Ma poi, del resto, che importa.

Non mi sono voltato per capire chi avesse tirato il grilletto. Non ce n’è stato bisogno. Il colpo di grazia, però, quello almeno speravo di meritarlo.

Annunci

10 thoughts on “Bene

  1. @Una: Non trattenere il respiro quando leggi, altrimenti poi svieni. Un abbraccio forte a te;
    @Trottolina: In effetti sì. L’errore è stato quello di non avermi finito;
    @Hard: se ti ho colpito non ringraziarmi, restituisci il colpo. eh eh…;
    @Mipa’: infatti sono schedato dall’Interpol. I will survive;
    @Anonimo: ogni tanto capita. Quando hai sette vite. E buona memoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...